Quando Firenze era la New York del Medioevo

Quando Firenze era la New York del Medioevo

Camminata alla scoperta dei monumenti e del periodo storico che segnano l’inizio dell’età dell’oro della città, quando, nella seconda metà del Duecento, Firenze diventa una delle grandi metropoli europee.

È la città che incide sui muri del Palazzo del Capitano del Popolo, che a lei “apparteneva la terra e il mare e tutta la superficie del globo”; è la città del fiorino, il dollaro del Medioevo e delle centocinquanta case torri, i grattacieli medievali; è la città delle ottanta banche, che ne facevano uno dei centri finanziari più importanti della cristianità. È, insomma, la New York del Medioevo.

Ma è anche un immenso cantiere, dove la ricchezza si trasforma in bellezza, maestosità e magnificenza.

Alla fine del secolo si avvia la costruzione del Duomo, del Palazzo della Signoria dei grandi complessi conventuali di Santa Croce e di Santa Maria Novella, delle nuove mura, fra le più grandi mai viste nella penisola in età medievale.

Un momento storico irripetibile che ha visto brillare la stella di Dante e di Giotto, il momento storico che ha visto forgiare una nuova immagine dell’uomo che cerca d’imporsi ad uno spazio e a un tempo che vanno via via desacralizzandosi e che aprirà le porte al Rinascimento.

© GuideinFlorence.it . info@guideinflorence.it . p.iva 06423100483